schema_cereali_settimana“Per ogni giorno un cereale, per ogni cereale tante virtù. Imparare a conoscerle per imparare a trarne beneficio.”

La domenica è in relazione con il Sole.
Essa tiene la posizione centrale della serie dei 7 giorni.
E’ la festa cristiana. Vuol richiamare l’uomo a guardare meditativamente al suo essere interiore.
Ognuno lo farà a suo modo: attraverso incontri essenziali con il prossimo o con la natura, nella devozione religiosa, nell’arte o nella scienza dello spirito.
Tutti i cereali sono figli del Sole; il frumento in modo particolare. Esso è diffuso su tutta la terra e realizza un equilibrio armonico. Gli è proprio, come a nessun altro cereale, l’oro solare. Anche nell’uomo la sua azione si distribuisce uniformemente ed armonicamente in tutti gli organi, senza concentrarsi prevalentemente in alcuno. Associamo quindi la domenica e il Sole al frumento.
Tratto da www.rudolfsteiner.it

Il frumento
Il frumento o grano è noto fin dai tempi antichi e rappresenta ancor oggi, soprattutto nelle zone temperate, la principale fonte di cibo per l’uomo
Esso si distingue in due tipologie ben distinte: il grano tenero, originario del Medio Oriente dal quale, nel neolitico, si diffuse in Europa, e il grano duro, la cui culla di origine, invece, è l’Africa centro-orientale (Etiopia).
Il chicco di grano duro è leggermente più oblungo e d’aspetto quasi traslucido, mentre il chicco di grano tenero è opaco e tondeggiante. I prodotti che si ottengono dalla macinazione delle due specie di grano sono quindi estremamente diversi: con il frumento tenero si produce la farina, di colore bianco, polverulenta, mentre dalla macinazione del grano duro si ottiene la semola, un prodotto con granulometria più grossolana, particelle a spigolo vivo e colore giallo ambrato più o meno intenso in funzione della varietà.
Dal punto di vista nutrizionale la semola rimacinata di grano duro possiede un elevato contenuto in proteine, fibra alimentare e antiossidanti.
Notevole è anche l’apporto in elementi minerali (potassio, ferro e fosforo) ed in vitamine (tiamina e niacina).
Ma non finisce qui: la semola di grano duro è ricca di antiossidanti benefici, quali i carotenoidi, soprattutto luteina e beta-carotene che sembrano rivestire un ruolo preventivo nel processo di invecchiamento cellulare e nei riguardi di alcune forme di tumore. La presenza nella dieta di questa quota di carboidrati complessi assicura all’organismo un rifornimento di energia prolungato nel tempo tale da evitare brusche variazioni del tasso di glucosio nel sangue.
Per quanto riguarda il rimacinato integrale, rispetto al rimacinato di semola, possiede un ancora maggiore contenuto di fibra e di vitamine.
Modalità di cottura
FRUMENTO (1)I chicchi di grano richiedono un ammollo di circa 6 ore, prima del quale è bene lavare e sciacquare più volte per togliere le impurità, fino a che l’acqua risulti limpida.
Il tempo di cottura è di circa 40/50 minuti con ammollo, fino ad arrivare a 60 minuti senza ammollo.
Per una parte di cereale ce ne vogliono 3 di acqua.
Il chicco così cucinato può essere consumato asciutto e condito con verdure spadellate o sughi preparati per l’occasione oppure può essere aggiunto a minestre e insalatone.

Tratto da www.biologonutrizionista.org / www.consiglinaturali.it