mela_1A fine estate, quando compaiono le prime mele, arriva il momento di mettere in atto il famoso adagio:
“Una mela al giorno toglie il medico di torno”.
La mela è uno dei frutti più consumati al mondo dopo gli agrumi, l’uva e le banane e nel nostro paese si trovano moltissime varietà. Anche se la natura ci presenta questo frutto a fine estate, lo si può consumare tutto l’anno.

Un frutto ricco

Questo frutto esemplare è ricco di sali minerali e vitamine. Contiene acqua, zuccheri che vengono facilmente e lentamente assimilati, acido malico, pectina e varie vitamine, quali A, B1, B2, B5, C, H, e PP, ferro, fosforo, calcio e proteine, solo per citare alcuni elementi.
Il potassio della mela svolge un ruolo preponderante. La buccia è la parte indiscutibilmente più ricca, giacché racchiude quattro o cinque volte più vitamine rispetto al resto del frutto.
Assieme al magnesio, il potassio, costituisce un elemento essenziale per cuore e cervello. In un litro di succo, la mela fornisce 1,75 g di potassio, cioè un’abbondante metà del nostro fabbisogno quotidiano. Il potassio è utile alla crescita, contrasta l’invecchiamento, contribuisce all’eliminazione delle cellule morte, impedisce la sclerosi dei vasi sanguigni. La mela ne è una fonte naturale.

La mela è terapeutica mela_3

La mela attiva il metabolismo, rigenera gli organi, protegge il sistema nervoso e la pelle, ostacola le infezioni. E’ rinfrescante, aiuta a liberare i bronchi e il naso dalla congestione del muco, allevia la febbre. Purifica il sangue. Grazie a questo frutto eliminiamo le tossine, attenuiamo i reumatismi, la gotta, l’artrosi, le intossicazioni di reni e fegato.
La mela è un ottimo alleato contro il diabete. Contribuisce a mantenere un buon equilibrio acido-basico del sangue e questo è un primo, importante punto. Il fruttosio è tollerato dai diabetici in generale. L’insulina non entra in causa nella sua digestione. I diabetici hanno sempre sete ed è facile dunque soddisfare questo bisogno con il succo di mela.
Una buona mela prima di coricarsi concilia un sonno dolce e ristoratore. E’ un prodotto calmante.
“Chi mangia due mele al giorno evita l’infarto”. La mela infatti ha la tendenza a normalizzare l’ipertensione. La pectina in essa presente è un agente anticolesterolo che si fissa sulle pareti interne delle arterie riequilibrando il livello di colesterolo nel sangue.
Tonico muscolare e nervoso, la mela è inoltre battericida nella digestione intestinale, lassativa e ringiovanente. Viene consigliata inoltre contro herpes, anemia, astenia, colibacillosi e dolori intestinali.

Precauzioni

I semi di mela contengono cianuro in piccolissima quantità sarebbe meglio quindi eliminare il torsolo.

Tratto da: Jean-Marie e Nathalie Delecroix, Le otto cure rivitalizzanti
le-otto-cure-rivitalizzanti