cura_limoneOriginario della Cina e dell’India, il limone è stato fin da subito considerato una specie di oro vegetale in grado di guarire. Fin dall’antichità, gli Egizi ne utilizzavano la polpa e il succo come antidoto contro diversi veleni. E con ragione, perché studi recenti hanno confermato questa credenza. I Romani lo ricercavano per le sue proprietà medicinali, che consideravano pressoché miracolose. Nel Medioevo veniva distribuito sulle navi per combattere lo scorbuto, una malattia dovuta a una carenza di vitamina C, la quale decimava i marinai dell’epoca. Con la scoperta del Nuovo Mondo, è stato utilizzato nel commercio triangolare, per proteggere gli schiavi dallo scorbuto durante le lunghe traversate. E’ stato tuttavia necessario attendere fino al 1932 per capire il segreto del limone: il suo elevato contenuto di vitamina C, che contribuisce notevolmente a rafforzare le difese immunitarie e quindi a prevenire le malattie. Sono state dimostrate altresì le sue proprietà antibatteriche e antivirali. Il limone è stato quindi fin da sempre impiegato come rimedio per curare un gran numero di affezioni. Ciascun secolo sembra averne riscoperto nuove virtù. Anche i giorni nostri i medici lo consigliano contro un ampio ventaglio di malattie, come le infezioni urinarie, i calcoli renali, la bronchite, il raffreddore o i bruciori di stomaco.

ACIDITA’ GASTRICA
Il fatto che il limone abbia un sapore acido non significa che sia altrettanto acido per lo stomaco e che occorra evitarlo se si è soggetti a bruciori di stomaco. Al contrario, il limone protegge la mucosa dello stomaco e stimola l’azione del fegato e del pancreas. Aiuta pertanto a ridurre le ulcere e i problemi di acidità gastrica.
Se soffrite di acidità o di bruciori di stomaco, bevete un infuso di limone e camomilla alla fine di ogni pasto.
Infuso di limone:
Versate in un litro di acqua bollente due limoni tagliati a fettine, scorza compresa, e 40g di camomilla essiccata, lasciando in infusione da quindici a venti minuti, dopodiché filtrate.

AEROFAGIA
In un flacone da 5 ml, versate in parti uguali olio essenziale di limone, di menta piperita e di dragoncello. Assumete una goccia di questa miscela con un cucchiaino di miele o sulla mollica di pane dopo ogni pasto, fino al raggiungimento dei sintomi.

ALLERGIE RESPIRATORIE E CUTANEE
Grazie ai suoi flavonoidi antiallergici e antinfiammatori il limone è in grado di alleviare certe allergie, soprattutto il raffreddore allergico. Durante gli “attacchi”, instillate qualche goccia di succo di limone direttamente nelle narici. Inspiratelo energeticamente per disinfiammare tutta la sfera ORL.

ANEMIA
La vitamina C aumenta del 30% l’assorbimento di ferro. Invitate il limone alla vostra mensa a ogni pasto, per approfittare al massimo degli alimenti che contengono questo minerale, spremendovi sopra direttamente del succo di limone oppure accompagnando il pasto con una limonata.

COLESTEROLO
Il limone contribuisce a ridurre il livello di colesterolo e a prevenire le malattie cardiovascolari. Trabocca di vitamina C, fibre solubili, flavonoidi e limoneni, che hanno in comune la capacità di diminuire il colesterolo.
In caso d’ipercolesterolemia, bevete quindi limonate a volontà e condite tutti i vostri piatti con succo di limone. Potete altresì svolgere una cura bevendo ogni mattina a digiuno il succo non diluito di due limoni, dolcificato con il miele.

Tratto da: Julie Frédérique, Tutti i segreti del Limone
tutti-i-segreti-del-limone