Maggiorana_vaso“È forse per la piacevolezza del suo odore che è pianta tanto grata alle donne, che non ve n’è quasi alcuna che non la pianti e curi con diligenza negli orti o in vasi… Il succo distillato aspirato per il naso purifica e conforta il cervello”.

COME COLTIVARLA

La maggiorana appartiene alla famiglia delle Lamiacee ed è originaria dell’Africa Nord-Orientale e dell’Asia Centrale. In Europa raramente cresce spontanea, ma viene coltivata.
La maggiorana ama il caldo e il sole e soffre le basse temperature e i ristagni d’acqua, ecco perché il terreno su cui cresce deve essere ben drenato.
Per la coltivazione in vaso, è importante porre sempre sul fondo del recipiente uno strato di argilla espansa che assicuri il drenagio. In genere non richiede l’uso di concime ma, se dovesse essere necessario, di può usare del compost o una miscela di azoto, fosforo e potassio. Eventuali parassiti devono essere tolti manualmente e un rimedio efficace è quello di spruzzare la pianta e il terreno con il macerato d’aglio (mettere 1 bulbo d’aglio in 1 litro d’acqua per 24 ore); il trattamento va fatto per tre giorni consecutivi. La fioritura avviene tra luglio e settembre.
Le foglie fresche, rispetto a quelle essiccate, sono più ricche di aroma e principi attivi dall’azione digestiva, rilassante e anti stress; sono inoltre note le sue proprietà battericide, espettoranti e anti mal di testa.

La temperatura
La maggiorana non tollera temperature inferiori ai 10-13°C. La temperatura ottimale è quella dai 20°C in su.

La raccolta
Il raccolto delle sue foglie deve essere fatto entro giugno, prima della fioritura, perché con i fiori le foglie perdono l’aroma.

Il terreno
Deve essere fertile con un 70% di sostanza organica e un 30% di sabbia.

Quando innaffiare
Il terreno non deve seccare troppo, ma non si deve esagerare con l’acqua, perché la pianta teme più l’eccesso che non la carenza d’acqua.

PROPRIETA’maggiorana (1)
La maggiorana ha proprietà rilassanti poiché contribuisce alla riduzione della pressione arteriosa attraverso la regolazione dell’attività del sistema nervoso autonomo e stimola la diuresi.
Favorisce il rilassamento muscolare e la regolazione dei livelli di adrenalina e serotonina responsabili del nostro stato di serenità o di stress. Ha un forte effetto sedativo che fa sì che questa pianta sia un toccasana contro l’ansia, l’insonnia, il nervosismo e l’eccitazione psichica.

Alcuni suggerimenti per alleviare il nostro stress con la maggiorana:

Infuso calmante
Un cucchiaino di maggiorana secca in una tazza d’acqua bollente. Lascia riposare per 8-10 minuti, filtra e bevi. La dose ideale è di due-tre tazze al dì.

Olio essenziale anti-insonnia
Bastano 4-6 gocce su una zolletta di zucchero un’ora prima di andare a letto

Olio essenziale contro il mal di testa
Massaggia lentamente una goccia di olio sulla fronte

Fumetti per sinusite e raffreddore
Con l’infuso ancora bollente, aspira l’aroma dell’erba per venti minuti coprendoti il capo con un asciugamano

Frizioni antireumatiche
Sciogli 10-20 gocce di olio essenziale di maggiorana in 100 ml di alcol e massaggia il preparato sulle articolazioni dolenti

Bagni anticontratture
Aggiungi all’acqua del bagno 10 gocce di essenza, oppure l’infuso (ottenuto con due manciate di erba in un litro d’acqua). Immergiti per almeno 10 minuti, massaggiando la muscolatura

Tratto da: Rivista “Curarsi Mangiando” n.83 – Giugno 2015