coffee-690420_640“Chi beve regolarmente cioccolata si distingue per la buona salute e la resistenza a qualunque sorta di malanno che disturba la serenità della vita.” Anthelme Brillat-Savarin

Spesso criticato, il cioccolato in realtà è una fonte di salute per il nostro corpo grazie alle sue innumerevoli proprietà benefiche. Eccone alcune:

Utile al colesterolo

Il cioccolato e il cacao in polvere proteggono l’organismo. Lo fanno grazie ai flavonoidi, che contrastano l’ossidazione del colesterolo cattivo (LDL), riducendo inoltre la concentrazione dello stesso.
E le buone notizie non finiscono qui! Il cioccolato favorirebbe infatti la produzione di colesterolo “buono”, che protegge le arterie.
I flavonoidi tuttavia non sono gli unici benefattori delle arterie. Nella lotta contro l’LDL entra in gioco un altro componente essenziale: la vitamina B3 del cioccolato. Questa vitamina esiste in due forme: nicotinammide e acido nicotinico. Quest’ultimo riduce l’LDL e aumenta l’HDL. Riduce inoltre i trigliceridi, altro grasso che circola nel sangue e “incrosta” le arterie.

Abbassa la pressione arteriosa

E’ stato dimostrato che chi consuma cioccolato presenta una pressione arteriosa più bassa rispetto a chi non conosce questa gioia per le papille. Forti di questa constatazione, si è cercato di capire se il numero di tavolette consumate influiva sul risultato.
Ebbene sì! Alcuni ricercatori di Harvard hanno dimostrato che chi consumava da una a tre tavolette di cioccolato fondente al mese vedeva ridursi le cifre della pressione (e di conseguenza il rischio di mortalità) rispetto a chi non ne consumava affatto.
I risultati visibili a livello di pressione arteriosa sono stati ottenuti rapidamente, giacché quattordici giorni di consumo sono bastati e evidenziarli!
Questa riduzione della pressione arteriosa è ancora una volta merito dei flavonoidi, ma anche di potassio, magnesio e calcio, come pure della vitamina B3 del cacao.dark-brown-milk-candy-large

Allunga la vita

Si è cercato di stabilire se la quantità di cioccolato consumata avesse effetto nell’allungamento della durata della vita e se le virtù del cioccolato per il cuore si limitassero a quest’organo oppure si estendessero anche al resto del corpo umano.
– Prima sorpresa: chi consuma più cioccolato presenterebbe un rischio di mortalità cardiovascolare ridotto della metà rispetto a chi ne consuma di meno
– Seconda sorpresa: chi è più ghiotto di cioccolato vivrebbe più a lungo di chi è meno ghiotto, a prescindere dalla malattia presa in esame!
Da consumare senza limiti? No di certo, tant’è che nella nutrizione è importante applicare il seguente adagio: “il troppo stroppia”.

Fluidifica il sangue

Gli stessi flavonoidi , grazie all’azione antiossidante, limitano la formazione di leucotreni (che se presenti in eccesso favoriscono la formazione dei coaguli) e fluidificano così il sangue in maniera simile all’aspirina.
Altre sostanze, come la vitamina E o il calcio, vengono in aiuto dei flavonoidi in questa grande impresa di fluidificazione.

cocoa-728207_640Utile contro i reumatismi

I flavonoidi del cacao limitano la formazione di leucotreni, composti che favoriscono l’infiammazione. Contrastando l’infiammazione, i flavonoidi esercitano dunque un’azione antinfiammatoria e combattono i reumatismi, ma anche tutte le affezioni mediche terminanti in “ite”, come artrite, bronchite ecc..
Questa componente antinfiammatoria viene rafforzata dal rame contenuto nel cacao.

E per finire sfatiamo alcuni miti che riguardano questa gioia per il palato:

– Il cioccolato non provoca l’acne ma non ne impedisce nemmeno la comparsa se l’alimentazione è troppo grassa e il cioccolato è di cattiva qualità. Quelli industriali contengono solitamente grassi idrogenati poco raccomandabili, meglio sceglierlo biologico e fondente.

– Il cioccolato non provoca stipsi anzi, possiede fibre insolubili sotto forma di cellulosa che favoriscono il transito intestinale. Inoltre, i numerosi acidi grassi del burro di cacao agevolano il movimento lungo le pareti intestinali degli alimenti ingeriti. Infine, i tannini del cioccolato stimolano la contrazione dei muscoli intestinali, favorendo così l’avanzamento degli alimenti fino alla eliminazione.

– Per la sua composizione il cioccolato non provoca le carie. Anzi, le fibre insolubili, i polifenoli, il fluoro, i fosfati e il fosforo in esso contenuti contribuiscono alla nostra igiene dentale e a prevenire la formazione delle carie.

Tratto da: Franck Senninger, Le virtù del cioccolato
le-virtu-del-cioccolato