coffee-cup-mug-cafe-large
10 COSE DA SAPERE SUL CAFFE’

1- Gli arabi diedero al caffè che coltivavano il nome di “k’hawah”, che significa “rinvigorente”. Questa parola si è trasformata in “qahvè” in turco, per diventare “caffè” in italiano e “café” in francese.
2- Gerardus Mulder, nel 1838, ha dimostrato che teina e caffeina sono una sola e unica sostanza. Pertanto, teina e caffeina esercitano gli stessi effetti, con la differenza che la teina agisce più lentamente, grazie ai tannini contenuti nel tè.
3- Se avete il problema del colesterolo alto, utilizzate il caffè in cialde. Il filtro di carta elimina i diterpeni responsabili dell’aumento del colesterolo “cattivo”.
4- Se siete sensibili di stomaco e adorate il caffè, bevetelo decaffeinato per evitare problemi. Infatti il caffè stimola la secrezione di acido da parte della mucosa gastrica.love-beans-caffeine-coffee-medium
5- Grazie alla caffeina, il caffè riduce il rischio del fegato di diventare fibrotico e cirrotico. Meglio ancora, riduce il rischio di tumore epatico in conseguenza di una cirrosi.
6- In dosi di tre o quattro tazze al giorno il caffè riduce del 30% circa il rischio di calcoli biliari. Questo effetto è dovuto alla caffeina; una volta tolta quest’ultima, il caffè non esercita più il suddetto effetto.
7- In caso di intestino fragile è preferibile fare attenzione al consumo di caffè, perchè quest’ultimo ha la tendenza ad accellerare il transito intestinale e favorire la fermentazione.
8- Il caffè aumenta le contrazioni dell’intestino e quindi combatte la stipsi. E’ persino accusato di rendere troppo molli le feci in alcune persone. Questo effetto di verifica sia con il caffè decaffeinato sia con quello normale.
9- E’ provato che il caffè esercita un’azione accelleratrice del pensiero: aumenta le facoltà dell’attenzione, della concentrazione e migliora le facoltà della memorizzazione, soprattutto quelle dette “di lavoro”.
10- Esercita un’azione stimolante sul cuore e sul sitema nervoso. Permette una migliore resistenza e aumenta la forza muscolare. Attenzione però a evitare che, sotto il suo effetto, il cuore non faccia le bizze.

Tratto da: Franck Senninger, Le virtù del caffè

 

banner_ecommerce