schema

“Il lunedì con il suo astro caratteristico comunica un’atmosfera interiore del tutto differente.
Alla Luna manca la forza irradiante del Sole; essa riflette la luce soltanto in un soffuso chiarore argenteo.
Il Sole dona la vita, la Luna agisce sulla forza vitale alternando ritmicamente le fasi della sua azione.
E’ per questo che per i tempi della semina ed il raccolto ci si regola secondo i suoi ritmi. La Luna agisce prevalentemente attraverso l’elemento dell’acqua il cui movimento è influenzato dalle sue fasi. Il Sole domina come astro diurno, la Luna come reggente della notte. Essa richiama il nostro sguardo su quanto è occulto, misterioso, invisibile; le sono proprie la passività e l’abbandono.
Come è difficile riconoscere tutto questo nell’atmosfera del nostro attuale lunedì, giorno di inizio della settimana lavorativa. Si tratta di un’usanza che ha preso piede da noi in Occidente, ma essa non corrisponde al retto ordinamento del tempo.
L’impulso all’azione apparterrebbe propriamente al martedì, giorno di Marte. Prima di questo, è la riflessione a dover svolgere il suo compito, l’elaborazione di quanto interiormente è stato donato dal giorno festivo, la coscienziosa programmazione della settimana.
Il lunedì sembra dire: esamina i tuoi intenti prima di muovere all’azione, prendi tempo!
Un tale clima interiore vive ancora in grande misura in Oriente.
L’uomo asiatico si concede molto più agio dell’Occidentale, continuamente in affanno tra un impegno e l’altro.
Il cereale cui egli dà la preferenza è il riso.
Esso possiede, come già detto in precedenza, una parentela con l’elemento acqueo, con le forze costruttrici del vivente. L’uomo asiatico è allietato da una numerosa prole, egli vive ancora fortemente nella coscienza di gruppo della famiglia. Sono tutte qualità legate all’azione della Luna. Non erriamo dunque ad assegnare al lunedì il riso.”
Tratto da www.rudolfsteiner.it

risoIL RISO
Il riso è una pianta originaria dei paesi orientali dove è conosciuta da millenni; costituisce infatti l’80-90% dell’alimentazione di varie popolazioni asiatiche ed anche se il suo consumo è diffuso in tutto il mondo, il 95% rimane concentrato in Estremo oriente. Esistono diverse varietà di riso: comune, semifino, fino, superfino. Anche per esso esistono due forme di consumo: raffinato ed integrale. Il primo si compone prevalentemente da amido, mentre il riso integrale, o sbramato di risone, si presenta con una caratteristica colorazione scura che lo differenzia dal candore tipico del riso brillato. Il riso integrale mantiene ancora alcuni strati di rivestimento importanti da un punto di vista nutrizionale. Il più esterno di essi è rappresentato dal pericarpo, molto ricco di proteine, sali minerali, vitamine, fibre e oligoelementi. Lo strato successivo si chiama spermoderma, anch’esso ricco di sali minerali, vitamine e proteine. Infine c’è l’endosperma, ricco di vitamine e proteine. Da un punto di vista nutrizionale il riso integrale è molto più completo del brillato, che si limita ad essere un solo accumulo di amido. Il riso integrale ha una cottura molto più lunga rispetto al brillato. La dose di riso consigliata è di 90-100 gr. a persona.

Cottura base:
Come tutti i cereali integrali, prima di iniziare la cottura è buona regola lavarlo per eliminare la polvere ed eventuali impurità come pagliuzze, altri semi etc. Si versi quindi il riso in una ciotola e si ricopra d’acqua in modo da poterlo facilmente sciacquare a mano e permettere l’affioramento di impurità. E’ consigliabile scolarlo più volte, fino a quando l’acqua non sarà pulita e limpida. A questo punto il riso è pronto per la cottura. Il riso integrale si mette a cuocere in due volte il volume di acqua, vale a dire un bicchiere di riso e due bicchieri di acqua. Si mette tutto a freddo, si sala l’acqua e, da quando inizia a bollire, serviranno circa 30-35 minuti di cottura. Ricordarsi di tenere la fiamma bassa e la pentola coperta. Una volta cotto il riso può essere condito, usato come base per ripieni, dolci e per tutti gli usi che facciamo anche con il riso bianco.

Leggi l’articolo su “I 7 CEREALI E I GIORNI DELLA SETTIMANA”

banner_ecommerce